Breve introduzione alla farmacovigilanza
Italia la rete nazionale di farmacovigilanza per la raccolta delle segnalazioni è stata istituita con il decreto Legislativo 24 aprile 2006, n. 219 (e successive modificazioni), in attuazione della direttiva comunitaria di base 2001/83/CE sopra citata. La rete, che fa capo all'AIFA, si compone, oltre che della stessa Agenzia del Farmaco, di Regioni, Unità Sanitarie Locali (ASL), Ospedali e IRCCS, industrie farmaceutiche e di tutti gli operatori sanitari che lavorino in tali settori o in collegamento con il Servizio Sanitario Nazionale (SNN). Tale rete, in estrema sintesi, prevede per l'operatore sanitario (e, pertanto anche per i farmacisti) l'obbligo di trasmettere le segnalazioni di sospette reazioni avverse, tramite l'apposita scheda (decreto del Ministero della Salute 12 dicembre 2003 - Gazzetta Ufficiale n. 36 del 13/2/2004) al responsabile di farmacovigilanza della ASL competente per territorio che provvede, previa verifica della completezza e della congruità dei dati, all'inserimento della segnalazione nella banca dati della rete di farmacovigilanza nazionale. Lo stesso decreto fa obbligo di segnalare tutte le sospette reazioni avverse (ADR) osservate, gravi (che provocano il decesso di un individuo, o ne mettono in pericolo la vita, ne richiedono o ne prolungano il ricovero ospedaliero, provocano disabilità o incapacità persistenti o significative o comportano un'anomalia congenita o un difetto alla nascita), non gravi, attese ed inattese (in quest'ultimo caso, quando non sono previste nel riassunto delle caratteristiche del prodotto) da tutti i vaccini e dai medicinali posti sotto monitoraggio intensivo ed inclusi in elenchi pubblicati periodicamente dall'AIFA. Il decreto, tra l'altro, forniva anche una definizione di reazione avversa (la reazione, nociva e non intenzionale, ad un medicinale impiegato alle dosi normalmente somministrate all'uomo a scopi profilattici, diagnostici o terapeutici o per ripristinarne, correggerne o modificarne le funzioni fisiologiche) che deve ora ritenersi sorpassata dopo la direttiva europea 2010/84/UE del 15 dicembre 2010 (che modifica e integra la precedente direttiva 2001/83/CE) che, in accordo con il Consiglio dell'Unione Europea, la modifica al fine di garantire che copra gli effetti nocivi e non voluti conseguenti non solo all'uso autorizzato di un medicinale a dosi normali, ma anche agli errori terapeutici e agli usi non conformi alle indicazioni contenute nell'autorizzazione all'immissione in commercio, incluso l'uso improprio (es. dosaggi scorretti, errori di somministrazione, di dispensazione) e l'abuso del medicinale. La stessa direttiva evidenza come sia sufficiente anche solo la sospetta reazione avversa collegata con un nesso causale con il medicinale. Pertanto l'espressione "sospetta reazione avversa" viene utilizzata in tutto il testo in riferimento agli obblighi di segnalazione.
Il nuovo sistema di farmacovigilanza che si è venuto a delineare dopo l'approvazione della direttiva europea 2010/84/UE assegna agli Stati membri aderenti all'UE, attraverso le proprie autorità regolatorie, il compito di fungere da stanza di compensazione per tutte le segnalazioni spontanee di reazioni avverse: gli operatori sanitari e i cittadini devono continuare a segnalare tali casi all'autorità competente (in Italia l'Agenzia Italiana del Farmaco- AIFA) la quale provvederà a ritrasmetterle (tutte e non soltanto quelle più gravi) alla banca dati comunitaria EudraVigilance. Gli Stati membri avranno accesso ai rapporti sulle reazioni avverse di EudraVigilance e potranno coinvolgere pazienti e professionisti del settore sanitario nel follow up dei rapporti che ricevono.



Come inviare una segnalazione online attraverso il sito della F.O.F.I.

La procedura di segnalazione online è riservata ai farmacisti iscritti all'Ordine: è pertanto necessario essere loggati nel sito www.fofi.it tramite la procedura consueta (inserimento Codice Fiscale).
Una volta loggati, sarà possibile accedere attraverso i link in basso nella pagina principale della farmacovigilanza (selezionare farmacovigilanza online nel menù di destra del sito FOFI)

Il sistema permette di:
a) Compilare una scheda ADR e inviarla direttamente al responsabile della farmacovigilanza della propria ASL di appartenenza (e in copia al centro di coordinamento nazionale)
b) Compilare schede ADR, anche in maniera incompleta, e salvarle per una successiva revisione/completamento e invio. Queste schede saranno accessibili direttamente dalla pagina principale della farmacovigilanza sotto la dicitura "Segnalazioni in attesa".
c) Consultare l'archivio delle proprie schede di segnalazione inviate.

Ricordiamo inoltre che per qualunque dubbio, suggerimento o malfunzionamento del sistema di segnalazione, è a disposizione l'indirizzo email del supporto tecnico della F.O.F.I.:
supporto_tecnico@fofi.it


Altre schede di segnalazione disponibili per il download
 
         
   
         
 




 
         
   
         
         
 
24 maggio 2016
news
16 maggio 2016
news
12 maggio 2016
news
29 marzo 2016
news
18 marzo 2016
news
02 marzo 2016
news
26 febbraio 2016
news
19 febbraio 2016
circolari
04 febbraio 2016
news
01 febbraio 2016
news
29 gennaio 2016
news
19 gennaio 2016
news
23 dicembre 2015
news
30 novembre 2015
news
27 novembre 2015
news
19 novembre 2015
news
27 ottobre 2015
news
12 ottobre 2015
news
14 settembre 2015
news
02 settembre 2015
news
31 agosto 2015
news
03 agosto 2015
news
28 luglio 2015
circolari
08 luglio 2015
news
29 giugno 2015
news
16 giugno 2015
news
15 giugno 2015
news
12 giugno 2015
news
10 giugno 2015
news
27 maggio 2015
news


 
     
 
  FEDERAZIONE ORDINI
FARMACISTI ITALIANI

 

Via Palestro, 75
00185 - Roma
tel. 06.4450361

email posta certificata:
posta@pec.fofi.it
Supporto tecnico
supporto_tecnico@fofi.it

Servizi Web
Edizioni Health Communication srl
Edizioni e servizi di interesse sanitario
P.I. 08842011002
Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)
Tel. (+39) 06.59.44.61
Fax (+39) 06.59.44.62.28